Protein tozu
Protein tozu
Kıbrıs satılık ev Condizioni generali di vendita | Daphne Interiors
Condizioni generali di vendita

Articolo 1. NORMATIVA CONTRATTUALE

1.1 – Le presenti Condizioni Generali di Vendita, di seguito denominate CGV, sono quelle applicate dal Venditore AMBIENTE SRL UNIPERSONALE ai suoi rapporti con i Compratori.

1.2 – In assenza di deroghe, i rapporti contrattuali fra le Parti (Venditore e Compratore) saranno regolati dalle presenti CGV. Modifiche od integrazioni alle presenti CGV e eventuali variazioni delle condizioni contrattuali concordate tra le Parti potranno essere adottate solo mediante atto scritto e non costituiscono novazione del contratto, salvo espressa volontà contraria, risultante per iscritto. La deroga ad una o più disposizioni delle presenti CGV non deve interpretarsi estensivamente o per analogia e non implica la volontà di disapplicare le CGV nel loro insieme.

1.3 – I termini commerciali di uso corrente, ove utilizzati nelle presenti CGV (Franco Fabbrica, FOB, CIF, ecc.) sono quelli codificati e disciplinati sotto la denominazione INCOTERMS 2010 dalla Camera di Commercio Internazionale.

1.4 – L’adesione alle offerte di acquisto del Venditore, se accompagnate da copia delle presenti CGV, comporta per il Compratore i soli diritti ed obblighi derivanti dalle stesse CGV, e dalle eventuali modifiche ed integrazioni effettuate per iscritto. Tali diritti ed obblighi non comporteranno comunque l’assunzione da parte del Compratore di posizioni diverse da quella di compratore dei prodotti del Venditore, con espressa esclusione della possibilità di agire come di agente, promotore od intermediario per gli stessi prodotti.

1.5 – Le presenti CGV non conferiscono all’acquirente il diritto ad utilizzare in qualunque forma né a qualunque titolo i marchi od i segni distintivi del Venditore, che potranno essere apposti soltanto dal Venditore sui prodotti venduti, secondo le modalità, forme, colori e modelli che essa deciderà in piena discrezione ed autonomia.

Articolo 2. FORMAZIONE ED OGGETTO DEL CONTRATTO

2.1 – Le offerte di prodotti fatte da agenti, rappresentanti ed intermediari del Venditore saranno impegnative solo allorquando e nelle misura in cui saranno state accettate da quest’ultimo.

2.2 – La conclusione del singolo contratto di vendita avviene con la conferma d’ordine che il venditore trasmette al Compratore. I termini del contratto corrisponderanno a quelli della conferma d’ordine.

2.3 – L’offerta del Venditore si considera ferma ed irrevocabile soltanto qualora ciò sia specificato per iscritto. Quindi, l’invio di materiale informativo, descrittivo e pubblicitario circa i prodotti non può venire considerato offerta, a meno che ciò non sia specificato in documenti a parte.

2.4 – Qualora il Venditore intenda rivolgersi ad istituti finanziari e/o di factoring e/o alla SACE per assicurare il proprio credito o concedere dilazioni di pagamento, il contratto di vendita dovrà essere approvato da tali istituzioni. In mancanza di tale approvazione, il Venditore si riserva di modificare l’offerta e/o le presenti CGV, e di proporre al Compratore il nuovo contratto.

2.5 – Qualora nel Paese (o Paesi) di destinazione dei prodotti sia richiesto l’adempimento ad oneri amministrativi e/o fiscali, per l’esecuzione del singolo contratto di vendita, o delle presenti CGV, gli stessi saranno a cura e spese del Compratore.

Articolo 3. CAMPIONI, DISEGNI E DOCUMENTI TECNICI

3.1 – Le caratteristiche tecniche, estetiche quantitative e qualitative dei prodotti, nonché i prezzi e le condizioni di pagamento avranno valore impegnativo qualora contenuti nel documento scritto di offerta od accettazione del Venditore.

3.2 – Nel caso in cui l’offerta o l’accettazione del Compratore facciano riferimento ad un campione offerto dal Venditore o dal Compratore, esso dovrà essere stato specificamente approvato sia dal Venditore che dal Compratore, a meno che esso non sia stato l’unico fornito al Compratore o al Venditore. Ove possibile il campione sarà stato contraddistinto di firme, timbri o punzonature del Venditore e del Compratore. Qualora il campione sia stato fornito dal Compratore, a meno che egli non abbia fornito anche ulteriori e dettagliate specifiche tecniche, il Venditore risponderà della conformità del prodotto alle sole caratteristiche evidenti del campione o riconoscibili in base alla sua esperienza professionale.

Articolo 4. GARANZIA

4.1 – Il Venditore garantisce la conformità dei prodotti forniti alle caratteristiche convenute. La garanzia per vizi è limitata a :

• difetti dei prodotti derivanti dalla loro progettazione;

• difetti di materie prime utilizzate per la manifattura;

• difetti riconducibili a carenze del processo produttivo riconducibili al Venditore.

La garanzia non si applica qualora il Compratore non dia la prova di aver correttamente usato (e cioè utilizzato secondo la relativa loro funzione, né effettuato modifiche o riparazioni non autorizzate dal Venditore), e conservato adeguatamente i prodotti.

4.2 – La garanzia ha una durata di 12 mesi e decorre dal momento della consegna dei prodotti. Decorso tale termine nessuna pretesa potrà esser fatta valere nei confronti del Venditore.

4.3 – Il Venditore, a seguito di regolare reclamo ai sensi dell’art. 5 delle presenti CGV, inoltrato dal Compratore per iscritto con richiesta di intervenire, dovrà, a seconda della contestazione, adottare uno dei seguenti comportamenti, a sua scelta:

a) fornire gratuitamente al Compratore, alle condizioni di consegna pattuite nel contratto di vendita, prodotti della stessa quantità e qualità di quelli non conformi a quanto stabilito o risultati difettosi. In tal caso, il Venditore può esigere, a spese del Compratore, la restituzione dei prodotti difettosi che ritorneranno di sua proprietà.

b) effettuare, a propria cura e spese, la riparazione del prodotto difettoso o modificare quello non conforme secondo quanto pattuito, o presso il Compratore, o presso il proprio stabilimento; in tali casi tutte le spese di trasporto sono a carico del Compratore.

c) pagare al Compratore la somma necessaria a riparare o modificare autonomamente i prodotti difettosi, a titolo di risarcimento del danno;

d) dichiarare per iscritto la risoluzione del contratto, offrendo la restituzione del prezzo contro restituzione dei prodotti forniti.

4.4 – Il Compratore potrà richiedere al Venditore il pagamento di una penale da calcolarsi conformemente all’articolo 7 per ciascuna settimana completa di ritardo tra la data del reclamo e la fornitura di prodotti sostitutivi ai sensi dell’articolo 4.3 (a) o la loro riparazione conformemente all’articolo 4.3 (b –c). Tale penale, ove pretesa dal Compratore, sostituisce quella di cui al seguente articolo 7, ma non potrà in nessun caso eccedere complessivamente il 10% del prezzo di tali prodotti.

4.5 – Ove il Venditore non abbia adempiuto agli obblighi di cui all’articolo 4.3 (a) (b) (c) entro la data in cui il Compratore matura il diritto al massimo della penale in virtù di tale articolo, il Compratore potrà intimare al Venditore di sostituire o riparare i prodotti non conformi entro 5 giorni. Qualora il Venditore non adempia entro tale data, il Compratore potrà dichiarare unilateralmente la risoluzione del presente Contratto, relativamente ai prodotti non conformi.

4.6 – Ove il contratto venga risolto ai sensi dell’articolo 4.3 (d) o dell’articolo 4.5, il Compratore avrà diritto, in aggiunta a qualsiasi somma pagata o pagabile in virtù dell’articolo 4.4 a titolo di rimborso del prezzo e dei danni per ritardo, al risarcimento di qualsiasi ulteriore danno, entro il limite massimo del 10% del prezzo dei prodotti non conformi.

4.7 – Ove il Compratore accetti i prodotti non conformi, egli avrà diritto ad una somma pari alla differenza tra il valore che i prodotti avrebbero avuto al momento e nel luogo della consegna se fossero stati conformi al Contratto e il valore nel medesimo luogo al momento di tale accettazione dei prodotti consegnati. Tale somma non potrà però comunque eccedere il 15% del prezzo di tali prodotti

4.8 – La garanzia di cui al presente articolo è l’unica garanzia per vizi e conformità, fatto salvo quanto previsto per i ritardi in base ai parr. 4.4, 4.5, 4.6, 4.7. che precedono.

Articolo 5. RECLAMI

5.1 – Il Compratore, a pena di decadenza dal suo diritto ad invocare la garanzia di cui all’articolo che precede, deve proporre reclamo al Venditore:

• per i difetti e vizi di conformità evidenti, e cioè da lui rilevabili appena in possesso dei prodotti, entro 7 giorni dal momento in cui i prodotti sono pervenuti sul luogo di destinazione

• per quelli occulti, che non potevano cioè in alcun modo essere rilevati al momento della consegna o a seguito dei controlli di legge, non oltre 3 mesi dalla data della consegna.

I reclami dovranno, per poter essere considerati ricevibili, essere effettuati mediante lettera raccomandata indirizzata al Venditore e/o via fax e dovranno indicare dettagliatamente i vizi o le non conformità contestate, nonché se sia possibile effettuare presso il Compratore eventuali riparazioni o modifiche ed il preventivo dei costi.

5.2 – Qualora il reclamo risulti infondato o solo parzialmente fondato (per una percentuale non superiore al 30 % , rispetto alle contestazioni originariamente effettuate), le spese sostenute dal Venditore per l’accertamento dello stesso (viaggi, perizie, ecc.) saranno a carico del Compratore.

Articolo 6. NORME TECNICHE E RESPONSABILITÀ DEL PRODUTTORE

6.1 – Il Venditore garantisce che il prodotto è stato realizzato sulla base di standard tecnici internazionali. Ogni difformità con eventuali standard tecnici e qualitativi vigenti sul mercato di destinazione sarà parte della responsabilità del Compratore. Il Venditore risponderà per conseguenza di danni a persone o cose, originati dai prodotti venduti, solo in caso di sua provata grave negligenza nella fabbricazione dei prodotti stessi; in nessun caso potrà essere ritenuto responsabile per danni indiretti o consequenziali, perdite di produzione o mancati profitti.

6.2 – Il Compratore informerà sollecitamente il Venditore di qualsiasi pretesa fatta valere contro il Compratore dai suoi clienti o da terzi in merito ai prodotti consegnati o a diritti di proprietà intellettuale riguardanti gli stessi. Il Venditore informerà sollecitamente il Compratore di qualsiasi azione che possa implicare la responsabilità del Compratore per il fatto del prodotto.

6.3 – Tenendo in conto quanto detto al paragrafo 6.1, il Compratore terrà indenne il Venditore dalle azioni proposte contro di esso per i danni derivanti dal prodotto, ed accetterà le eventuali relative chiamate in causa nelle predette liti

Articolo 7. CONSEGNA

7.1 – Salvo diversa pattuizione scritta, inserita nel singolo contratto di vendita, la vendita si intende effettuata Franco Fabbrica. Il Compratore potrà però sempre incaricare per iscritto il Venditore di curare il trasporto dei prodotti come suo mandatario, rimanendo però il costo e rischio di quest’ultimo a carico del Compratore.

7.2 – In mancanza di espressa pattuizione circa i termini della consegna, il Venditore avrà 120 giorni a disposizione per consegnare i prodotti, a far data dalla ricezione dell’accettazione scritta dell’ordine da parte del Venditore, nonché degli acconti o delle lettere di credito eventualmente pattuiti.

7.3 – In caso di ritardata consegna, il Compratore solleciterà il Venditore mediante raccomandata con ricevuta di ritorno e darà a quest’ultimo 15 giorni feriali a partire dal ricevimento di tale comunicazione, entro i quali il Venditore dovrà consegnare tutti i prodotti specificati nel sollecito e non ancora consegnati. Solo dopo tale comunicazione, qualora il Venditore sia inadempiente, il Compratore potrà annullare la parte dell’ordine non consegnata. È comunque esclusa qualsiasi responsabilità per danni derivanti da ritardo o mancata consegna, totale o parziale.

7.4 – Se non diversamente pattuito, il Venditore darà comunicazione scritta (anche via fax o posta elettronica) al Compratore che i prodotti sono a sua disposizione, Franco Fabbrica; a decorrere da tale comunicazione, il Compratore avrà 5 giorni a disposizione per il loro ritiro.

7.5 – In caso di ritardo nel ritiro dei prodotti oltre i termini previsti dal paragrafo precedente, il Compratore sarà tenuto a indennizzare il Venditore pagandogli le spese di deposito, fissate forfetariamente in misura pari allo 5% dell’importo della fattura relativa ai prodotti stessi per ogni settimana di ritardo. Decorsi ulteriori 30 giorni il Venditore potrà vendere con qualsiasi mezzo i prodotti per conto del Compratore, trattenendo dal ricavato l’intero prezzo dovuto (quali che siano i termini di pagamento pattuiti) nonché le spese sostenute.

7.6 – I prodotti consegnati restano di proprietà del Venditore fino al completo pagamento del prezzo dei prodotti stessi; il Compratore si impegna a fare quanto necessario per costituire nel Paese dove si trovano i prodotti una valida riserva di proprietà nella forma più estesa consentita, o per porre in essere un’analoga forma di garanzia a favore del Venditore

Articolo 8. PREZZO

8.1 – Ove non sia stato concordato alcun prezzo, ovvero il prezzo non fosse presente nella copia commissione con cui è stato effettuato l’ordine, si applicherà il prezzo di listino del Venditore in vigore alla data di conclusione del contratto. In assenza di prezzo di listino, si applicherà il prezzo generalmente applicato al momento della conclusione del contratto per prodotti dello stesso tipo.

8.2 – Salvo diverso accordo, il prezzo non include l’I.V.A. e non è soggetto a revisione.

8.3 – Il prezzo indicato nel contratto specifico (prezzo contrattuale) include qualsiasi costo posto a carico del Venditore dal presente contratto. In conseguenza, ove il Venditore debba sopportare eventuali costi che il contratto pone a carico del Compratore (ad es., costi di trasporto o di assicurazione nel contesto dei termini EXW o FCA), tali somme non dovranno considerarsi incluse nel prezzo di cui al contratto specifico e dovranno essere rimborsate dal Compratore al Venditore.

Articolo 9. PAGAMENTO

9.1 – Il pagamento dovrà essere effettuato, salvo diverso accordo scritto, per il 50% alla conferma dell’ordine da parte del venditore e per la parte restante alla data prevista per la consegna dei prodotti, e quindi risultare come incassato dal Venditore sul conto a quest’ultimo intestato, presso l’Istituto bancario indicato al Compratore. Eventuali pagamenti fatti ad agenti, rappresentanti o ausiliari di commercio del Venditore non si intendono effettuati finché le relative somme non siano state incassate dal Venditore.

9.2 – Il Venditore avrà il diritto di sospendere la consegna dei prodotti per qualsiasi ritardo od irregolarità nel pagamento. Per ritardi superiori ai 15 giorni nel pagamento dell’acconto o del saldo il venditore avrà anche il diritto di risolvere il contratto. In ogni caso il ritardato pagamento da diritto al Venditore di pretendere una indennità di mora pari allo 0,5% del prezzo per ogni giorno di ritardo.

9.3 – Il Compratore è tenuto al pagamento integrale anche in caso di reclamo o controversia. Tuttavia, per quanto riguarda eventuali somme controverse, egli ha la facoltà di depositarle presso una banca del Paese del Venditore fino a quando la controversia non sia stata risolta, vincolando la banca a trasmettere tali somme al Venditore in caso di risoluzione della controversia in senso favorevole al Venditore. Non è ammessa la compensazione con eventuali crediti, a qualsiasi titolo o ragione sorti, nei confronti dei Venditore.

9.4 – Ove le Parti abbiano convenuto il pagamento anticipato, senza precisazioni ulteriori, si presume – in assenza di diverso accordo – che l’anticipo si riferisca all’intero prezzo e che il pagamento debba essere ricevuto dalla banca del Venditore, in fondi immediatamente disponibili, almeno 30 giorni prima della data pattuita per la consegna o della data d’inizio dell’eventuale periodo di consegna concordato. Ove il pagamento anticipato sia stato previsto solo per una parte del prezzo, le condizioni di pagamento per la parte rimanente verranno determinate conformemente al presente articolo.

9.5 – Ove le Parti abbiano convenuto il pagamento mediante credito documentario, il Compratore dovrà, salvo diverso accordo, provvedere a che venga emesso in favore del Venditore da una banca di buona reputazione, ed accettata dalla banca del Venditore, un credito documentario, irrevocabile e confermato, soggetto alle Norme ed Usi Uniformi relativi ai Crediti Documentari, pubblicati dalla Camera di Commercio Internazionale, notificato almeno 30 giorni prima della data pattuita per la consegna o della data d’inizio dell’eventuale periodo di consegna concordato. Salvo diverso accordo, il credito documentario sarà pagabile a vista e consentirà spedizioni parziali e trasbordi.

9.6 – Ove le Parti abbiano convenuto il pagamento contro documenti, i documenti dovranno essere presentati, salvo diverso accordo, contro pagamento (D/P), conformemente alle Norme Uniformi relative agli incassi, pubblicate dalla Camera di Commercio Internazionale.

9.7 – Qualora le Parti abbiano convenuto che il pagamento debba essere accompagnato da una garanzia bancaria, il Compratore dovrà mettere a disposizione, almeno 30 giorni prima della data pattuita per la consegna o della data d’inizio dell’eventuale periodo di consegna concordato, una garanzia bancaria a prima domanda soggetta alle Regole Uniformi sulle Garanzie a Domanda pubblicate dalla Camera di Commercio Internazionale o una lettera di credito standby soggetta alle regole sopracitate o alle Norme ed Usi Uniformi relativi ai Crediti Documentari, pubblicati dalla Camera di Commercio Internazionale, emesse in ambedue i casi da una banca di buona reputazione.

Articolo 10. FORZA MAGGIORE ED ECCESSIVA ONEROSITÀ

10.1 – Nessuna delle Parti è responsabile per il mancato adempimento di obblighi su di essa gravanti in base ad un contratto di vendita nella misura in cui provi:

(a) che tale mancato adempimento è dovuto ad un impedimento indipendente dal suo controllo, e

(b) che non poteva essere ragionevolmente tenuta a prevedere, al momento della conclusione del contratto, tale impedimento ed i suoi effetti sulla sua capacità di eseguire il contratto, e

(c) che ella non avrebbe potuto ragionevolmente evitare o superare tale impedimento o i suoi effetti.

10.2 – Il contraente che invoca l’esonero dalla responsabilità è tenuto a comunicare alla controparte, appena possibile, e subito dopo essere venuto a conoscenza dell’impedimento e dei suoi effetti sulla sua capacità di eseguire i suoi obblighi, l’esistenza di tale impedimento, nonché gli effetti dello stesso sulla sua capacità di far fronte ai propri impegni. Un’analoga comunicazione dovrà essere data non appena venga meno la causa di esonero dalla responsabilità. Il contraente che ometta l’una o l’altra comunicazione è responsabile di quei danni che avrebbero potuto essere altrimenti evitati.

10.3 – Una causa di esonero dalla responsabilità ai sensi del presente articolo esime il contraente che non abbia eseguito un’obbligazione dalla responsabilità per danni, penalità ed altre sanzioni contrattuali – fatta eccezione per il pagamento degli interessi sulle somme dovute – fino a quando e nella misura in cui tale causa di esonero sussista.

10.4 – Se le cause di esonero continuano a sussistere per un periodo superiore a due mesi, ciascun contraente avrà il diritto di risolvere unilateralmente il contratto mediante comunicazione scritta alla controparte.

10.5 – Se, per qualsiasi altro motivo imprevedibile ad un imprenditore dell’esperienza del Venditore, egli possa dimostrare che l’esecuzione dei suoi obblighi sia divenuta – prima della loro esecuzione – eccessivamente onerosa in rapporto al prezzo originariamente pattuito, così da provocare un aumento del costo del prodotto superiore al 20%, il Venditore potrà chiedere una revisione del prezzo e, in mancanza, dichiarare unilateralmente risolto il contratto

Articolo 11. CESSIONE DEL CONTRATTO

Il Compratore non può cedere la sua posizione nel singolo contratto di vendita od in singoli rapporti obbligatori da esso derivanti, salvo espressa accettazione scritta del Venditore; comunque, anche in tal caso, egli rimane solidalmente responsabile col cessionario per le obbligazioni cedute.

Articolo 12. DIRITTO APPLICABILE

12.1 – Le presenti CGV, ed i contratti in base ad esse stipulati, la loro validità, così come la loro risoluzione, la loro esecuzione e la loro interpretazione, nonché la soluzione di controversie da essi nascenti, saranno interamente regolate dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui Contratti di Vendita Internazionale di Merci (Convenzione di Vienna del 1980) qui di seguito indicata come CVIM e, nella misura in cui tali questioni non siano coperte dalla CVIM, dal diritto italiano.

12.2 – Le dichiarazioni effettuate od il comportamento tenuto dalle Parti durante le trattative o nel corso dell’esecuzione del contratto possono contribuire all’interpretazione del solo contratto cui si riferiscono, e nei limiti in cui non contrastino con le presenti CGV o con gli accordi scritti presi dalle Parti in occasione della conclusione del contratto in questione.

Articolo 13. RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE

13.1 -Tutte le controversie derivanti dall’applicazione delle presenti CGV, nonché dai contratti in base ad esse stipulati o ad essi connesse saranno risolte in primo luogo mediante amichevoli consultazioni fra le Parti. Qualora in tal modo non si sia raggiunta una soluzione, nel termine di 60 giorni dalla data nella quale una delle Parti abbia comunicato per iscritto all’altra l’esistenza di una controversia, essa sarà risolta in via definitiva secondo il Regolamento di conciliazione e di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale da un unico arbitro nominato in conformità al detto regolamento. Il lodo arbitrale sarà definitivo e vincolante per le Parti. Il giudizio arbitrale avrà luogo a Macerata e si terrà in lingua italiana.

© 2013 | Daphne Interiors
web agency